Passa ai contenuti principali

Come smettere di essere pagati a parola ma nei nostri termini

Da tempo sui Social come Facebook e Twitter, i traduttori si stanno schierando contro un meccanismo che li spinge ad accettare lavori sottopagati: il pagamento per numero di parole.

Il mercato è pieno di balordi, ma anche noi siamo bravi a rovinare il mercato accontentandoci di essere sottopagati, perché non siamo abili nella negoziazione con il cliente e lasciamo quasi sempre vincere lui, come si diceva oggi alla BP Conference.

Questo è un meccanismo da smantellare. Mortifica il nostro lavoro e riduce il potenziale del traduttore. Ragioniamo in termini di tempo. Per tradurre 300 parole, abbiamo bisogno di 30 minuti. Queste 300 parole possono essere tradotte in 30 minuti, ma anche in un’ora. Dipende dall’argomento. In alcuni casi c’è bisogno di approfondire, seguire blog del settore, leggere articoli, consultare riferimenti vari, chiedere consigli a esperti.

Il punto è che questo: il cliente lo deve sapere, fa parte della nostra professionalità. 300 parole nate dopo una fase di studio durata 2 giorni, non hanno lo stesso valore di 300 parole tradotte 30 minuti. No. Quelle parole valgono quelle ore di approfondimento.

E quelle ore di apprendimento si ammortizzano perché utilizzeremo quella ricerca terminologica (che convergerà nei glossari) per altre traduzioni dello stesso argomento, e in quel caso saremo più veloci, perché avremo acquisito esperienza e competenza in quell'ambito.

E allora, iniziamo a educare i clienti e le agenzie, rendiamo consapevole il cliente delle difficoltà intrinseche nella traduzione del testo, del rischio (anche economico) di una traduzione sbagliata e di una scelta di termini non corretta (alla BP conference si faceva riferimento anche alla possibiltà di redigere un contratto con il cliente). 

Iniziamo a liberarci della tariffa a parola iniziando a puntare su di noi, sul valore e sulla qualità della nostra traduzione, sul nostro tempo, sul processo decisionale dietro alla scelta del termine giusto, in poche parole, sulla qualità del nostro lavoro. Noi non lavoriamo semplicemente con le parole, noi gestiamo un patrimonio immateriale: la conoscenza.



Commenti

Post popolari in questo blog

Differenza tra football e soccer

Perché il calcio viene chiamato in modo diverso da inglesi (football) e americani (soccer)?

I due termini, football e soccer, si usano per indicare lo stesso sport sebbene football sia presente in un maggior numero di lingue con un più alto numero di occorrenze.

Footballrisale a un decreto del 1424 in cui re Giacomo I di Scozia bandiva il gioco con la frase: "That na man play at the Fute-ball".

Nel 1863 viene fondata a Londra la Football Association (FA), la prima federazione calcistica nazionale che unificò definitivamente il regolamento. Queste regole furono adottate da tutti eccetto che dalla Scuola di Rugby, che preferiva un gioco più fisico in cui si potesse toccare il pallone anche con le mani. Si venne a creare cosi il termine soccer, entrato a far parte dello slang universitario comeabbreviazione colloquiale di Assoc., da  Association football+ la formazione agentiva "-er" per distinguerlo dal Rugby Football.

Fonti:


Terminologia etcEnglishfor.it





Football or soccer, which came first?

With the World Cup underway in Brazil, a lot of people are questioning if we should refer to the "global round-ball game" as "soccer" or "football"? This is visible from the queries of the readers that access my blog. The most visited post ever is indeed “Differenza tra football e soccer” and since we are in the World Cup craze I think this topic is worth a post.

According to a paper published in May by the University of Michigan and written by the sport economist Stefan Szymanski, "soccer" is a not a semantically bizarre American invention but a British import.

Soccer comes from "association football" and the term was used in the UK to distinguish it from rugby football. In countries with other forms of football (USA, Australia) soccer became more generic, basically a synonym for 'football' in the international sense, to distinguish it from their domestic game.

If the word "soccer" originated in England, why did it f…

You are doing terminology management all wrong. Here is why

We all know the never-ending, love-hate relationship between translators and terminology… now, let’s explore some of the most common errors.
Generally speaking, when thinking of terminology, we imagine a glossary, made of two parallel columns full of terms, with the source language on one side and the target language on the other.

Easy.

And what better than an Excel file for this type of structure? Seems easy and intuitive enough. Plus, you can also add an extra column to the right, to add comments or other notes.

Well, there’s something wrong here: Excel was never designed to store text, much less terminological data.

Yes, you guessed it… Excel was created to crunch numbers, not words!

Using Excel files is not an effective or efficient way to manage complex databases. If you use it to create glossaries as mentioned above, you will not be able to specify additional attributes for those terms. It is indeed possible to add extra columns but always limited to one field or category for ea…