25 giugno 2010

iPad terminology


Sunset
, verb. To be in the process of becoming obsolete; a "sunsetting device". (Cf. the already well established and uncommonly ugly legacy, adjective: already obsolete; a "legacy computer")

Readcast, verb. To read something while similarly transmitting on several social media the fact that you are reading it and what you think of it.

Vook, noun. A book composed of both video and text; also, the name of the company that invented the vook for the iPad.

Swype, verb. Allows users to glide a finger across the virtual keyboard to spell words, rather than tapping out each letter.


published on: Johnson

Read also:

Sunsetting and Readcasting



17 giugno 2010

Ti unfriendo perché mi sessaggi

tratto da:punto informatico

Il verbo da Facebook "unfriend" arriva nei dizionari di lingua inglese e diventa parola dell'anno. D'altronde la lingua è una questione sociale, e questi sono social network: appunto Roma - Negli ultimi anni il linguaggio della Rete ha ricevuto sempre più la consacrazione dei vocabolari, e della lingua ufficiale che cambia e si piega alle esigenze e ai tempi dei nuovi mezzi: così già erano entrati nel linguaggio comune Twitter, Facebook e blog (anche come verbi twittare, facebookare e bloggare). E, anche quest'anno, il social network in blu è protagonista dell'evoluzione degli idiomi.
È ancora Facebook l'origine della parola che meglio rappresenta il 2009: Unfriend (verbo), che secondo l'Oxford Dictionary significa "rimuovere qualcuno come amico da un social network come Facebook".
Oltre a questo neologismo nato dal web 2.0, nel 2010 saranno riconosciuti altri termini sorti dall'ICT. Solo per fare alcuni esempi, Twitter contribuisce con hashtag, il cellulare con intexticated (distratto perché occupato a messaggiare sul telefonino mentre impegnato alla guida di un veicolo) e sexting (inviare immagini o messaggi con i cellulare dal contenuto sessuale esplicito).

Differenza tra football e soccer

Perché il calcio viene chiamato in modo diverso da inglesi (football) e americani (soccer)?

I due termini, football e soccer, si usano per indicare lo stesso sport sebbene football sia presente in un maggior numero di lingue con un più alto numero di occorrenze.

Football risale a un decreto del 1424 in cui re Giacomo I di Scozia bandiva il gioco con la frase: "That na man play at the Fute-ball".

Nel 1863 viene fondata a Londra la Football Association (FA), la prima federazione calcistica nazionale che unificò definitivamente il regolamento. Queste regole furono adottate da tutti eccetto che dalla Scuola di Rugby, che preferiva un gioco più fisico in cui si potesse toccare il pallone anche con le mani. Si venne a creare cosi il termine soccer, entrato a far parte dello slang universitario come abbreviazione colloquiale di Assoc., da  Association football + la formazione agentiva "-er" per distinguerlo dal Rugby Football.

Fonti:





Differenza tra football e soccer



Animal names for economies

Will a new pride of economic lions take their place beside the Chinese dragon and the Indian tiger?


The term "tiger economies" to refer to the fab four of Asia dates back to the 1960s. (They are also known as the "little dragons" owing to China's influence.) Ireland adopted the "Celtic tiger" in the 1990s, despite there being no such beast—presumably it was worried that calling itself the "hare economy" would make it sound flaky. Scotland made a bid for "Celtic Lion" in 1997, on the reasonable basis that there is at least a lion on the Scottish Royal Standard. It never took off, though; neither did Scotland.Curiously, Russia's periodically hyperactive economy doesn't seem to have a common animal name. The "bear economy" is an obvious no-no, but people rarely use "tiger", even though there are tigers in Russia. Perhaps that's because they're Siberian tigers, which are in danger of going extinct. Sadly for Africa, though, the term "lion economies" and the associated predictions of an imminent boom are at least ten years old. Maybe they're hibernating lions.P.S.: It's a "pride of lions" and a "streak of tigers", but does anyone know the collective noun for dragons?

Source: Johnson

Gulf Coast oil spill demystified: A glossary

"Top hats." "Top kills." "Berms". "Booms". As the attempts to plug the oil spill in the Gulf of Mexico become more complex, so do the terms. We break down the jargon that you might come across as you follow the story.

1. Berms: A wall or barrier of sand usually used to protect against flooding along coasts, but now it's being considered to stop oil from washing up on Gulf Coast beaches.
Context: For nearly two weeks [Louisiana Gov. Bobby] Jindal has asked the [U.S. Army] Corps [of Engineers] to approve a plan to dredge sand berms off the coast in an attempt to keep oil from reaching inland marshes.
The Christian Science Monitor: BP oil spill pushes Louisiana to desperate, massive 'berm' plan

2. Blowout preventer: A large valve at the top of a well that can be closed to stop oil from gushing into the sea in the event of a problem or when the oil rig sank a month ago, triggering the leak.
Context: BP, the well's majority owner, has been trying to stop the flow by using remote-controlled submarines to activate a valve atop the well. But the valve, known as a blowout preventer, is not working.
CNN: Stopping Gulf Coast oil leak could take weeks

3. Booms: These are long pieces of plastic tarp sewn such that they consist of flotation devices on top and a weighted skirt that sinks into the water. They are deployed along beaches to stop surface oil slicks from washing inland.
Context: “We need more boom, we need more resources, we need the materials we have requested to fight this oil and keep it out of our marsh and off of our coast,’’ Louisiana’s governor said.
Financial Times: White House faces fire over BP oil leak

4. Dispersants: Oil dispersants are chemicals that can break the oil down into small drops and prevent it from reaching the surface or the shore. Dispersants are generally less harmful than the oil itself, which is highly toxic, and they biodegrade more quickly.
Context: EPA ordered BP to find another chemical dispersant to use on the oil spill after concerns arose about the long-term effects of the substance now being used.
CNN: Feds tell BP to cut use of oil dispersants in Gulf

5. Junk shot: Debris such as shredded rubber tires, golf balls and similar objects would be shot under extremely high pressure into the blowout preventer in an attempt to clog it and stop the leak. The goal of the junk shot is to force-feed the preventer, the device that failed when the disaster unfolded, until it becomes so plugged that the oil stops flowing or slows to a relative trickle. That would be followed by a “top kill.”
Context: Using the same tubes and pipes, BP would then try a "junk shot," pumping material like golf balls, pieces of tire and pieces of rope into the blowout preventer.
CNN: How BP's 'top kill' procedure will work
6. Relief well: A well drilled into the existing well, intercepting the flow and allowing a specialized heavy liquid to be pumped into the flowing well to bring it under control. This liquid is denser than oil and so exerts pressure to stem the flow of oil.
Context: Now BP has started drilling a relief well that eventually could allow them to close off the broken well. However, that would take at least two months to work, said Doug Suttles, the BP chief operating officer.
CNN: BP to try unprecedented engineering feat to stop oil spill

7. Skimmers: A device used to recover oil from the water’s surface. There are three main types of skimmers. The Weir skimmers, for example, use a dam or enclosure positioned at the oil-water interface. Oil floating on top of the water will spill over the dam and be trapped in a well inside, bringing with it as little water as possible. The trapped oil and water mixture is then pumped.
Context: Mayors and parish presidents were critical of both the government and BP's handling of the cleanup, recounting stories of misdirected protective booms or skimmers that sat on trucks ashore.
CNN: Louisiana demands federal action on dredge plan

8. "Top hat": A top hat is a smaller version of a containment dome that BP tried to install earlier. It is a sort of upside-down funnel designed to trap the oil and channel it to the surface, again to be offloaded onto ships. The earlier four-story containment dome failed when natural gas crystals collected inside the structure, plugging an outlet at the top. BP is abandoning plans to use the “top hat” containment dome to contain the spill for now.
Context: The "top hat" oil-containment device has reached the sea floor in the Gulf of Mexico and should be in position over a leaking well head and operational by the end of the week, well owner BP said Wednesday.
CNN: 'Top hat' containment device reaches ocean floor, BP says

9. "Top kill" Not to be confused with “top hat,” this maneuver is an attempt to stop and seal the well instead of just containing it. The top kill involves pumping heavy drilling fluid into the head of the leaking well at the seafloor. The manufactured fluid, known as drilling mud, is normally used as a lubricant and counterweight in drilling operations. The hope is that the drilling mud will stop the flow of oil. If it does, cement then would be pumped in to seal the well.
Context: All previous attempts by the company to cap the spill have failed, and BP CEO Tony Hayward said the top kill maneuver will have a 60 percent to 70 percent chance of success when it is put in place as early as Wednesday morning.
CNN: Patience runs thin as BP preps untested maneuver to cap oil leak

10. Riser insertion tube: The riser insertion tube tool involves inserting a 4-inch diameter tube into the Horizon’s rise, a 21-inch diameter pipe, between the well and the broken end of the riser on the seafloor in 5,000 feet of water. The insertion tube would be connected to a new riser to allow hydrocarbons to flow up to the Transocean Discoverer Enterprise drillship located on the surface. The oil will be separated and then safely shipped ashore.
Context: After some success with the riser insertion tube, BP is preparing to try its "top kill" approach to stemming the flow of oil from the Macondo well, probably on Wednesday.
Financial Times: Moving in for the ‘top kill’

11. Oil plumes: These are underwater globules of oil that do not float to the surface of the ocean. Scientists say microscopic oil droplets are forming these deep water oil bubbles. The heavy use of chemical dispersants, which breaks up surface oil, is said to have contributed to the formation of these plumes. Scientists are worried that these underwater globs will pose a threat to the marine ecosystem and that the oil could be absorbed by tiny animals and enter a food chain that builds to larger fish.
Context: The University of South Florida recently discovered a second oil plume in the northeastern Gulf. The first plume was found by Mississippi universities in early May.
CNN: New oil plume evidence uncovered

Globish, la lingua low-cost che tutti possiamo parlare

Un inglese semplificato, contaminato e ristretto da internet e nuove tecnologie, che permette di comunicare da Londra a Pechino. È il global English, criticato dai puristi ma parlato da 4 miliardi


tratto da: Repubblica

La lingua più parlata del mondo, sostiene il principe Carlo d'Inghilterra con una delle sue battute più riuscite, non è l'inglese: è il "global English", l'inglese scorretto, sgrammaticato, storpiato, che gli stranieri parlano per comprendersi tra di loro, e per comunicare, quando ci riescono, con gli abitanti di Gran Bretagna, Stati Uniti, Canada, Australia, Nuova Zelanda, insomma con quelli che l'inglese vero, l'inglese di Shakespeare, lo succhiano da piccoli insieme al latte del biberon. Questa lingua rudimentale, semplificata, ridotta all'essenziale, impasto di Internet, pubblicità, musica e fumetti, ha un nome e una filosofia: è il "globish", fusione di "global" ed "english", ed è usata più o meno correntemente da 4 miliardi di persone, circa due terzi della popolazione terrestre.
In passato erano gli imperi a imporre una lingua franca all'umanità. Il latino si diffuse nel Mediterraneo e in tutta Europa trascinato dalle legioni dei Cesari di Roma antica. L'inglese conquistò il pianeta seguendo l'espansione del British Empire, che all'apice del suo potere dominava un quarto delle terre emerse del globo. Quindi è venuto il turno di una nuova versione di inglese, l'americano, quando nella seconda metà del Novecento gli Stati Uniti hanno rimpiazzato la Gran Bretagna come superpotenza planetaria, conquistando il mondo non soltanto con la propria forza militare ed economica ma soprattutto con il "soft power" della propria cultura di massa, i film di Hollywood, il rock e più recentemente il linguaggio del web, la Microsoft e la Apple, Google e Facebook.
La novità è che il "globish", a cui il settimanale Newsweek ha dedicato un lungo servizio, non avanza alla testa di un esercito, di una potenza economica o di un potere culturale. È la lingua dei vincitori, che i conquistati, i sedotti, i vinti, hanno digerito, imparato e rimodellato secondo le proprie esigenze. Il "globish" è l'inglese dell'era dei voli a basso costo, della terra resa piatta, non più rotonda, secondo la metafora di Thomas Friedman, da nuove forme di comunicazione e di trasporto che annullano le distanze culturali e geografiche. È la lingua dei messaggini e di Twitter, la lingua che dice "u r gr8" per intendere "sei grande" ("you are great"), che sintetizza in 160 caratteri l'amore e la morte, la letteratura e il giornalismo. È la lingua dei miliardi di nuovi immigrati ed espatriati. L'inglese tradizionale si è affermato perché era la lingua della diplomazia, del commercio, della finanza, dell'aviazione e poi della Rete. Il "globish" ha spodestato l'inglese tradizionale e perfino il suo successore, l'americano, semplicemente perché è la lingua di tutti.
L'ironia della sorte vuole che a inventare il "globish" sia stato un francese, cittadino di uno dei paesi più sciovinisti della terra, dove i termini inglesi vengono messi al bando, talvolta con effetti comici, come quando si dice "ordinateur" invece che computer. Jean-Paul Nerrière, un ingegnere informatico della Ibm, si accorse durante un'esperienza di lavoro in Estremo Oriente che gli uomini d'affari che non erano di madre lingua inglese comunicavano - in inglese - con clienti giapponesi e coreani molto più facilmente dei dirigenti d'azienda americani o britannici. La ragione era evidente: tra stranieri, parlavano un inglese più semplice, meno corretto, meno articolato, ma infinitamente più facile da capire reciprocamente.
L'inglese ha un milione di parole, un buon dizionario ne contiene mezzo milione, un giornale colto come il Times ne usa 40 mila, a un tabloid popolare come il Sun ne bastano 7 mila, ma Nerrière ha calcolato che il "globish", l'espressione da lui coniata per l'inglese "decaffeinato", come lo chiama ironicamente, ha un vocabolario di appena 1500 parole, e sono più che sufficienti. Ad esempio, invece di "nephew" (nipote), una parola dalla pronuncia non facilissima, il "globish" usa "the son of my brother", una frase più lunga, una forma contorta, ma facile da pronunciare e dal senso inequivocabile. Lasciata l'Ibm, Nerrière ha scritto un libro, Globish, e lanciato un sito, globish.com, per pubblicizzare la sua scoperta.
Robert McCrum, un linguista inglese, già autore di un bel libro sulla storia dell'inglese, ora ne ha scritto un altro, con lo stesso titolo di quello di Nerrière. "La Torre di Babele non è stata completamente smantellata, al mondo esistono ancora e continueranno a esistere 5000 lingue differenti", dice McCrum. "Ma quando un indiano e un messicano vogliono commissionare una ricerca a un laboratorio in Thailandia, i cui consulenti sono israeliani, tra di loro comunicano, a voce e per iscritto, in globish, una sorta di inglese ridotto ai minimi termini". Farebbe inorridire le nostre insegnanti di inglese al liceo, eppure funziona. Perché chiunque sa un po' di "globish", ancora prima di cominciare a pensare di parlarlo: taxi, love, sex, phone, airplane, drink, one, thank you, please, good bye, sono parole universali, la base da cui partire senza timori.
È insomma la vittoria dell'inglese maccheronico, l'inevitabile risultato della globalizzazione, anche se può venire il dubbio se sia nato prima l'uovo o la gallina: è stata la globalizzazione a portare il "globish", o il "globish" che ha portato la globalizzazione? Come che sia, l'inglese per tutti trionfa perché l'inglese dei madre lingua creava complicazioni anche a loro stessi. "Due popoli divisi dalla stessa lingua", la celebre battuta di Oscar Wilde su inglesi e americani, è bene illustrata dalla vecchia storiella di due bianchi che si perdono, ognuno per proprio conto, nell'Africa nera e, dopo mesi di stenti e pericoli, finalmente si incontrano in una radura. Si abbracciano emozionati, poi uno dei due comincia a parlare. L'altro lo guarda interdetto, senza capire una parola. Allora sillaba lentamente, gesticolando per dare enfasi alle sue parole: "I-am-American. Where-are-you-from?" E l'altro esterrefatto: "Liverpool". Con il "globish", non si rischiano simili equivoci.
Il paradosso è che, mentre trionfa l'inglese semplificato, in Inghilterra viene istituita per la prima volta un'Academy of English, in difesa della lingua della regina, minacciata dagli slang creati dal multiculturalismo, il Chinglish dei cinesi, lo Spanglish degli ispanici, il Franglish dei francesi, e così via. E negli Stati Uniti l'inglese, o l'americano che dir si voglia, perde terreno davanti all'avanzata dello spagnolo, del tagalog filippino, del cinese, del coreano: nel 1980, soltanto 23 milioni di americani parlavano una lingua diversa dall'inglese; nel 2007 sono diventati 55 milioni, e continuano a crescere. Sempre più gente parla il "broken English" su cui ironizza il principe Carlo, sempre di meno parla il "Queen's English", l'inglese forbito e perfetto di Sua Maestà.
L'autore di Globish racconta che ogni venerdì sera, nel campus dell'università di Pechino, qualche centinaio di studenti si riuniscono sotto gli alberi di pino di una piazza ribattezzata English Corner, per fare "conversazione in inglese". Parlano, in modo primitivo, di David Beckham e Paris Hilton, ripetono frasi fatte, si scambiano gentilezze a base di "please" e "thank you", per concludere tutti in coro con un entusiastico: "Yes, we can". Forse vogliono dire che anche la Cina, un giorno, potrà diventare libera e democratica. Ma per il momento intendono qualcosa di infinitamente meno complicato, sebbene non meno importante come segno di cambiamento: sì, anche noi possiamo parlare in inglese. Sorry, in "globish".

How to spot if a text has been AI generated

Delve into the realms of terminology tools and discover how they can speed up your research, improve efficiency, and transform content accur...